Messina

Manovra: nella notte ok emendamenti, oggi mandato per il Ponte

Altri emendamenti del governo riguardano i fondi per l'integrazione salariale delle forze armate e delle forze dell'ordine

di Redazione -

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato l’emendamento del governo che stabilisce la rimodulazione delle risorse per finanziare il progetto del Ponte sullo Stretto, confermando l’importo totale di 11,6 miliardi di euro. Tuttavia, una parte delle risorse sarà prelevata dal fondo coesione, e una quota degli impegni di spesa sarà a carico delle Regioni Sicilia e Calabria.

Altri emendamenti del governo riguardano i fondi per l’integrazione salariale delle forze armate e delle forze dell’ordine, la rimodulazione delle risorse per il progetto del Ponte sullo Stretto, con una parte ora a carico delle Regioni Calabria e Sicilia attraverso i fondi coesione, e stanziamenti per gli enti locali in relazione alla recente modifica delle aliquote Irpef.

Tra i testi dei relatori, un emendamento evidenzia la possibilità per i proprietari di più immobili di scegliere uno su cui applicare l’aliquota agevolata del 21% per la cedolare secca sugli affitti brevi, anziché il 26% previsto per gli altri.

La legge di bilancio conferma nel 2024 il taglio del cuneo fiscale per i redditi fino a 35 mila euro, insieme a una nuova modulazione delle aliquote Irpef, con l’obiettivo di lasciare circa 100 euro in più al mese nelle buste paga dei lavoratori dipendenti. Questo provvedimento comporta un impegno finanziario di quasi 11 miliardi di euro. Sono previsti anche oltre 3 miliardi di fondi aggiuntivi per la sanità e circa 5 miliardi per il rinnovo dei contratti nel pubblico impiego.