Cronaca

Operaio morto ai Cantieri navali di Palermo, eseguita l’autopsia

L'operaio ha subito un forte trauma da schiacciamento del torace.

di Sergio Randazzo -

E’ stata eseguita nel reparto di medicina legale del Policlinico di Palermo l’autopsia sul corpo di Angelo Salamone, 61 anni, l’operaio della Doro Maris morto mercoledì scorso ai Cantieri Navali, travolto da una serbatoio di ferro che, insieme a un collega, stava dissaldando. L’esame è stato eseguito di medici Giuseppe Davide Albano e da Giovanni Cannella. Ha preso parte anche il consulente medico nominato dalla famiglia, Paolo Procaccianti. L’operaio ha subito un forte trauma da schiacciamento del torace. Una volta arrivato in ospedale è morto per arrestato cardiaco. Sono stati prelevati tessuti e campioni per gli esami tossicologici. I medici avranno 70 giorni per depositare la perizia. Per la morte dell’operaio sono stati iscritti nel registro degli indagati i responsabili dello stabilimento di Palermo di Fincantieri, il responsabile del servizio di prevenzione dell’azienda e il responsabile dell’azienda in cui lavorava Salamone. C’è anche l’operaio con cui lavorava il dipendente morto. La famiglia, assistita dall’avvocato Ida Giganti, chiede che si faccia luce su quanto avvenuto e rileva che non sono state chiamate immediatamente le forze dell’ordine, poi arrivate in ospedale, e la scena dove è avvenuto l’incidente era stata modificata. Dopo l’autopsia la salma è stata restituita alla famiglia. I familiari, la moglie e i tre figli potranno celebrare il funerale.

Foto Fanpage


Torna alle notizie in home